Il numero dei pesci in mare è superiore al previsto

aIl numero di pesci del mare sarebbe ampiamente sottostimato e la maggioranza di essi non sarebbe mai stata pescata. A dirlo uno studio di un gruppo di ricercatori australiani della University of Western Australia. Secondo gli scienziati, guidati da Carlos Duarte, i pesci mesopelagici, che vivono fra 100 e 1000 metri sotto la superficie, costituiscono il 95 per cento della biomassa mondiale ittica e non sono mai stati toccati dalla pesca.

Il segreto del successo di questi animali potrebbe risiedere nella loro abilità di eludere le reti da pesca, e questi pesci potrebbero rappresentare, da soli, una biomassa dalle 10 alle 30 volte superiore a quella ipotizzata finora. “Poichè un’abbondanza ittica è molto maggiore potrebbe avere ricadute sul modo in cui carbonio e ossigeno fluiscono negli oceani”, ha spiegato Duarte. Lo scienziato ha guidato una spedizione che ha circumnavigato il globo per sette mesi, a bordo della nave Hesperides, raccogliendo dati sui pesci mesopelagici.